SINDROME VESTIBOLARE NEL CANE: COME RICONOSCERLA E COME AGIRE

19/04/2015 Categorie : Cani , Salute

Sindrome Vestibolare del Cane Anziano. Dott Luca FerreroQuesta settimana molti di voi, in particolare proprietari di cani anziani, ci hanno chiesto se è normale che il loro cane ogni tanto "barcolli"  girando anche la testa di lato. Lo abbiamo chiesto al nostro veterinario Luca Ferrero*, che ci ha spiegato che si tratta della sindrome vestibolare del cane anziano.

La sindrome vestibolare è una patologia che colpisce soprattutto i cani cosiddetti anziani.  Vedere il nostro fedele amico perdere l'equilibrio in modo inaspettato, potrebbe farci sprofondare nella disperazione. Molto spesso queste crisi si risolvono, possono essere necessari giorni o settimane ma ci sono ottime possibilità che il nostro amato cane torni ad essere il nostro compagno di mille passeggiate.

I sintomi

Questa sindrome ha un esordio acuto, la testa del nostro cane appare ruotata (la rotazione avviene sull'asse longitudinale del collo), c'è nistagmo patologico (per nistagmo intendiamo un movimento ripetuto e incontrollato degli occhi, questo movimento può essere orizzontale, verticale o rotatorio).  Ci può essere nausea e vomito, nei casi più gravi c'è la perdita dell'equilibrio con caduta a terra e rotolamento (il cane rotola letteralmente su se stesso).

Le cause 

Questa sindrome è provocata da un disturbo del sistema vestibolare che rappresenta il centro dell'equilibrio ed è situato nell'orecchio interno. I processi patologici più comuni che determinano la sindrome vestibolare sono l'otite media/interna e la vestibulopatia idiopatica (di cui non è possibile conoscere la causa). Ci possono essere cause cosiddette centrali, di solito più gravi che riguardano il tronco encefalico e il cervelletto. Queste strutture possono essere affette da tumori, da processi infiammatori o ischemici.

La diagnosi 

La visita clinica è di fondamentale importanza per localizzare la sede della lesione, per capire quindi se il problema è periferico o centrale.  Tutti i pazienti dovranno essere sottoposti all'esame del sangue (esame emocromocitometrico ed esame ematochimico), sulla scorta della visita clinica si deciderà se eseguire le indagini di diagnostica per immagini (radiografie e risonanza magnetica).

La terapia 

Il vostro veterinario di fiducia imposterà la terapia più idonea in base all' esito degli esami e della visita.  Quando si sospetta un'infezione batterica la terapia antibiotica è fondamentale, l'uso dei corticosteroidi (cortisone) è dibattuto, è importante la terapia (di sostegno) per il controllo della nausea e del vomito. Gli animali con la sindrome vestibolare hanno la nausea e per questo possono essere inappetenti e possono andare incontro a disidratazione. Il vostro veterinario somministrerà farmaci anti nausea e provvederà alla idratazione tramite ipodermoclisi o flebo endovena.

Conclusioni

La sindrome vestibolare del cane anziano, quando è di origine periferica, è destinata a rispondere bene alle terapie, solitamente nell'arco di tre o quattro giorni il nostro amico quadrupede dovrebbe riprendere a deambulare e la nausea dovrebbe scomparire, la testa ruotata potrebbe persistere per qualche settimana. Naturalmente se doveste notare uno dei sintomi descritti chiamate subito il vostro veterinario di fiducia.

Altri dubbi? Altre richieste di approfondimento? Mandate a info@pacopetshop.it le vostre richieste e le vostre domande: le sottoporremo al nostro veterinario di fiducia, Luca Ferrero!

*Lo studio del dottor Luca Ferrero è in via Mazzini 39/bis a Torino. Questo il link al suo sito web http://www.ferrerodottorlucaveterinario.it/

Articoli correlati

Cerca nel blog