IL CANE ED IL GATTO SENTONO LA TRISTEZZA DEL BLUE MONDAY?

18/01/2021 Categorie : Cani , Curiosità , Gatti

Tempo di lettura 4 minuti

Il Blue Monday è il giorno più triste dell'anno. Il terzo (o il quarto) lunedì di Gennaio è ritenuto il giorno più deprimente per le persone dell'emisfero boreale.

Anche se in realtà non si hanno prove certe di questa supposizione,  il Blue Monday ha preso le connotazioni di una giornata in cui vige il malumore. Il primo Blue Monday è stato indetto nel 2005 ( a scopi puramente pubblicitari ) quando la compagnia aerea inglese Sky Travel rese pubblica un'equazione di uno scienziato che metteva in luce una correlazione tra questo giorno e un'aumento di sentimenti tristi e malumori diffusi. Sempre secondo la ricerca, in periodi così tristi, la persona sarebbe invogliata maggiormente a prenotare voli e vacanze proprio per compensare il disagio. Ora che abbiamo fatto chiarezza sulla storia di questa giornata "grigia", vediamo nel dettaglio se anche i nostri cani e gatti possono soffrire di tristezza in questa giornata:

Il senso di colpa nel cane e nel gatto... non esiste!

Uno dei principali casi, lo dimostrano video molti divertenti, in cui si può pensare che il proprio pet provi tristezza e senso di colpa è quando viene sgridato dal padrone. Quando il vostro micio graffia qualcosa d'importante (e non dovrebbe farlo) oppure il cucciolo mastica le ciabatte o fa pipì in giro e lo cogliete sul fatto, sgridarlo è inutile. Una recente ricerca ha dimostrato che cani e gatti non sono in grado di provare rimorso. Quando Fido sgrana gli occhioni, abbassa la testa e guaisce, quasi ferito dalle vostre parole o dal vedersi muovere davanti al naso l'oggetto delle sue morbose attenzioni, lo fa perchè ha capito che la ramanzina durerà meno assumendo quell'espressione. E sì, vi stanno "tirando un bidone". Cane e gatto non provano senso di colpa ma hanno capito che, determinati atteggiamenti in risposta, servono solo a far smettere prima la sgridata. Se, da un lato, questa ricerca farà forse cambiare alcuni nostri atteggiamenti, dall'alto ci farà sicuramente sentire meglio (i sensi di colpa nostri, saranno leniti).

Come capire quando cane e gatto sono tristi

Che ci sia correlazione oppure no con il Blue Monday, cane e gatto possono realmente sentire tristezza. Capirlo a volte non è facile, ma alcuni atteggiamenti che riporteremo di seguito possono far squillare un campanello d'allarme nel padrone attento:

  • IL CANE O IL GATTO PASSANO MOLTO TEMPO SDRAIATI: sembrano in una sorta di stato letargico, sono svegli ma preferiscono stare sdraiati a guardarci o semplicemente sembrano "aspettare qualcosa". Un atteggiamento che potrebbe derivare forse da qualche cambio delle abitudini notture, in cui non riescono a riposare in maniera perfetta. Come noi, che possiamo essere nervosi, oppure talmente stanchi da apparire senza forze, così anche cane e gatto cadono in uno stato di tristezza e malumore.
  • IL CANE O IL GATTO SONO SEMPRE IMPAURITI: i cani ed i gatti tristi possono manifestare atteggiamenti di paura. Andando a nascondersi dietro divani e mobili, oppure accovacciandosi al suolo in posa sottomessa dimostrano un senso di arrendevolezza dovuto alla tristezza. Ma anche un'improvvisa iperattività può essere sinonimo di questo stato d'animo. Il cane tende a voler scaricare lo stress dovuto alla tristezza esagerando nell'atteggiamento opposto. Se il vostro cane o gatto ha alcuni di questi momenti, non mostratevi troppo preoccupati, come per noi, a volte essere tristi non nasconde niente sotto, solo della melanconia. Non cambiate atteggiamenti nei suoi confronti o l'animale, percependolo, potrebbe abituarsi allo stato d'animo pur di attirare l'attenzione su di sè.
  • IL GATTO SMETTE DI LAVARSI: quando il gatto smette di lavarsi è un segno di tristezza ma che può nascondere anche problemi più gravi, come la depressione. Lavarsi è un'attività fondamentale per il gatto che non solo serve a preservare il manto ma anche a dimostrare la propria cura per l'igiene.
  • IL CANE PERDE INTERESSE NEL GIOCO: in alcuni casi, la tristezza, può portare il cane a rifiutarsi di giocare con il padrone. Se si tratta di una fase (uno o due giorni), non dovete preoccuparvi, se invece persiste, è il caso di rivolgersi ad un'esperto comportamentista.
  • ELABORAZIONE DEL LUTTO NEL CANE E NEL GATTO: la morte di un membro della famiglia, umano o animale, può essere causa di grande tristezza per l'animale. Che sia un altro cane o gatto con cui ha passato anni di vita, oppure il padrone, il nostro amico a 4 zampe può avere diverse reazioni legate alla tristezza, come quelle sopra indicate ma anche risultare inappetente e debilitato. In questo caso, rivolgetevi ad uno specilalista che saprà consigliarvi un modo per farlo uscire da questa spirale di dolore.

Cosa fare quando il proprio pet si dimostri triste

Innanzitutto concentratevi su di lui. Sopra ogni altra cosa, la vostra presenza è importantissima per l'animale (anche se non sempre lo dimostra, nel caso del gatto). Cambia la routine: se il pet è triste prova a cucinare una ricetta fatta in casa per lui. Oltre a mischiare il pasto con il vostro odore e ristabile il legame di presenza, cambiando la routine si scatenano in lui reazioni differenti, utilissime per tirarlo fuori dalla tristezza. Se invece lo stadio persiste e sembra aggravarsi (inappetenza, difficoltà di movimento, rifiuto categorico di giocare, aggressività improvvisa), portate l'animale dal vostro medico veterinario che saprà consigliarvi e fornirvi supporto specifico.

Condividi

Articoli correlati

IL CANE ED IL GATTO SENTONO LA TRISTEZZA DEL BLUE MONDAY?

Cani , Curiosità , Gatti

Tempo di lettura 4 minuti

Il Blue Monday è il giorno più triste dell'anno. Il terzo (o il quarto) lunedì di Gennaio è ritenuto il giorno più deprimente per le persone dell'emisfero boreale.

Anche se in realtà non si hanno prove certe di questa supposizione,  il Blue Monday ha preso le connotazioni di una giornata in cui vige il malumore. Il primo Blue Monday è stato indetto nel 2005 ( a scopi puramente pubblicitari ) quando la compagnia aerea inglese Sky Travel rese pubblica un'equazione di uno scienziato che metteva in luce una correlazione tra questo giorno e un'aumento di sentimenti tristi e malumori diffusi. Sempre secondo la ricerca, in periodi così tristi, la persona sarebbe invogliata maggiormente a prenotare voli e vacanze proprio per compensare il disagio. Ora che abbiamo fatto chiarezza sulla storia di questa giornata "grigia", vediamo nel dettaglio se anche i nostri cani e gatti possono soffrire di tristezza in questa giornata:

Il senso di colpa nel cane e nel gatto... non esiste!

Uno dei principali casi, lo dimostrano video molti divertenti, in cui si può pensare che il proprio pet provi tristezza e senso di colpa è quando viene sgridato dal padrone. Quando il vostro micio graffia qualcosa d'importante (e non dovrebbe farlo) oppure il cucciolo mastica le ciabatte o fa pipì in giro e lo cogliete sul fatto, sgridarlo è inutile. Una recente ricerca ha dimostrato che cani e gatti non sono in grado di provare rimorso. Quando Fido sgrana gli occhioni, abbassa la testa e guaisce, quasi ferito dalle vostre parole o dal vedersi muovere davanti al naso l'oggetto delle sue morbose attenzioni, lo fa perchè ha capito che la ramanzina durerà meno assumendo quell'espressione. E sì, vi stanno "tirando un bidone". Cane e gatto non provano senso di colpa ma hanno capito che, determinati atteggiamenti in risposta, servono solo a far smettere prima la sgridata. Se, da un lato, questa ricerca farà forse cambiare alcuni nostri atteggiamenti, dall'alto ci farà sicuramente sentire meglio (i sensi di colpa nostri, saranno leniti).

Come capire quando cane e gatto sono tristi

Che ci sia correlazione oppure no con il Blue Monday, cane e gatto possono realmente sentire tristezza. Capirlo a volte non è facile, ma alcuni atteggiamenti che riporteremo di seguito possono far squillare un campanello d'allarme nel padrone attento:

  • IL CANE O IL GATTO PASSANO MOLTO TEMPO SDRAIATI: sembrano in una sorta di stato letargico, sono svegli ma preferiscono stare sdraiati a guardarci o semplicemente sembrano "aspettare qualcosa". Un atteggiamento che potrebbe derivare forse da qualche cambio delle abitudini notture, in cui non riescono a riposare in maniera perfetta. Come noi, che possiamo essere nervosi, oppure talmente stanchi da apparire senza forze, così anche cane e gatto cadono in uno stato di tristezza e malumore.
  • IL CANE O IL GATTO SONO SEMPRE IMPAURITI: i cani ed i gatti tristi possono manifestare atteggiamenti di paura. Andando a nascondersi dietro divani e mobili, oppure accovacciandosi al suolo in posa sottomessa dimostrano un senso di arrendevolezza dovuto alla tristezza. Ma anche un'improvvisa iperattività può essere sinonimo di questo stato d'animo. Il cane tende a voler scaricare lo stress dovuto alla tristezza esagerando nell'atteggiamento opposto. Se il vostro cane o gatto ha alcuni di questi momenti, non mostratevi troppo preoccupati, come per noi, a volte essere tristi non nasconde niente sotto, solo della melanconia. Non cambiate atteggiamenti nei suoi confronti o l'animale, percependolo, potrebbe abituarsi allo stato d'animo pur di attirare l'attenzione su di sè.
  • IL GATTO SMETTE DI LAVARSI: quando il gatto smette di lavarsi è un segno di tristezza ma che può nascondere anche problemi più gravi, come la depressione. Lavarsi è un'attività fondamentale per il gatto che non solo serve a preservare il manto ma anche a dimostrare la propria cura per l'igiene.
  • IL CANE PERDE INTERESSE NEL GIOCO: in alcuni casi, la tristezza, può portare il cane a rifiutarsi di giocare con il padrone. Se si tratta di una fase (uno o due giorni), non dovete preoccuparvi, se invece persiste, è il caso di rivolgersi ad un'esperto comportamentista.
  • ELABORAZIONE DEL LUTTO NEL CANE E NEL GATTO: la morte di un membro della famiglia, umano o animale, può essere causa di grande tristezza per l'animale. Che sia un altro cane o gatto con cui ha passato anni di vita, oppure il padrone, il nostro amico a 4 zampe può avere diverse reazioni legate alla tristezza, come quelle sopra indicate ma anche risultare inappetente e debilitato. In questo caso, rivolgetevi ad uno specilalista che saprà consigliarvi un modo per farlo uscire da questa spirale di dolore.

Cosa fare quando il proprio pet si dimostri triste

Innanzitutto concentratevi su di lui. Sopra ogni altra cosa, la vostra presenza è importantissima per l'animale (anche se non sempre lo dimostra, nel caso del gatto). Cambia la routine: se il pet è triste prova a cucinare una ricetta fatta in casa per lui. Oltre a mischiare il pasto con il vostro odore e ristabile il legame di presenza, cambiando la routine si scatenano in lui reazioni differenti, utilissime per tirarlo fuori dalla tristezza. Se invece lo stadio persiste e sembra aggravarsi (inappetenza, difficoltà di movimento, rifiuto categorico di giocare, aggressività improvvisa), portate l'animale dal vostro medico veterinario che saprà consigliarvi e fornirvi supporto specifico.

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paco e non perderti nessuna novità

Resta aggiornato sulle ultime notizie e contenuti di Paco, riceverai inoltre un
buono sconto da usare sul primo acquisto!

arrow_back