MANTENERE IL COLORE DEL MANTELLO DEL CANE: IL SEGRETO È NELL'ALIMENTAZIONE

26/01/2021 Categorie : Cani , Curiosità

Tempo di lettura: 4 minuti


Chi ha un cane bianco sa che mantenere il colore del mantello non è sempre un’impresa semplice. Il candido manto dei cuccioli, come soffici batuffoli di cotone, col tempo tende a non essere più così immacolato. Cosa succede al pelo del cane? Perché si può macchiare e come possiamo evitarlo? Continuate a leggere l’articolo e risponderemo alle vostre domande e curiosità.

Perché i cani bianchi tendono ad ingiallire?


La ragione principale dell’ingiallimento del mantello è la sua ossidazione. Il pelo dei cani è continuamente a contatto con numerose sostanze. Lacrime, saliva, tracce di urina possono essere causa di macchie o ingiallimento del mantello. Anche della semplice acqua alla lunga può portare all’ossidazione delle parti di pelo che ne sono costantemente a contatto, fino a causare un cambiamento nella colorazione del mantello. Tutte queste sostanze contengono ferro, un minerale dall’alto potere ossidativo e principale causa dell’ingiallimento del mantello.

Non è solo un problema dei cani dal manto bianco


Questo cambiamento è molto evidente nei cani dal mantello bianco, ma può avvenire anche sulle altre colorazioni.


Le macchie intorno agli occhi sono spesso causate da un’eccessiva lacrimazione, nota come “epifora”, e interessano con più frequenza i cani dal muso schiacciato o con gli occhi più esposti agli agenti esterni. Ad esempio, possiamo notare questo tipo di macchie sia nei bianchissimi cani di razza Maltese che nei vari colori dei Cavalier King. In alcuni casi potrebbe essere dovuto a problemi relativi ai canali lacrimali, da sottoporre all’attenzione di veterinari specializzati. Se volete saperne di più, vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento “Lacrimazione rossa o marrone: l’epifora”.


La variazione di colore del pelo intorno al muso, invece, è spesso causata dal continuo contatto con l’acqua della ciotola. Un problema che risulta evidente soprattutto nei cani dal pelo lungo o semi lungo come Schnauzer, West Highland White Terrier o Barboncini.

Le parti del mantello più a rischio


Alcune zone del mantello del cane sono più soggette a macchiarsi o a cambiare colore rispetto ad altre.


Le principali sono:

    - il contorno occhi

    - il muso

    - sotto le orecchie

    - le zampe

    - l’inguine


Come abbiamo visto, il contorno occhi tende ad ossidarsi a causa di una lacrimazione eccessiva, mentre le macchie sotto il muso sono spesso da attribuirsi alle bevute giornaliere.


L’inestetismo dovuto all’ingiallimento del pelo avviene sotto le orecchie soprattutto nei cani dalle orecchie lunghe e pendenti, perché per loro quest’area del corpo è più soggetta ad accumulare umidità, con la conseguente ossidazione del mantello.


Le zampe sono soggette ad ogni forma di sollecitazione esterna, ma l’ingiallimento del manto si presenta soprattutto per quei cani che hanno la tendenza a leccarsi o mordersi frequentemente le zampe.


La saliva, inoltre, può essere causa di ossidazione e quindi ingiallimento del pelo anche nell’area inguinale, fisiologica conseguenza delle quotidiane operazioni di pulizia che il cane fa su di sé con la lingua. L’inguine è, inoltre, a contatto con l’urina, altra causa di ossidazione del mantello.

Parola d’ordine: prevenzione


L’ingiallimento del mantello è una questione principalmente estetica che non va ad intaccare la salute del cane.


Il modo migliore per mantenere il colore del mantello è agire d’anticipo grazie alla prevenzione. È buona abitudine asciugare il pelo il prima possibile, intervenendo per evitare che il contatto prolungato con sostanze come saliva, acqua, lacrime o urina. Ecco alcuni consigli:



- Asciugate il muso del cane dopo una dissetante bevuta dalla ciotola

- detergete il contorno occhi con le salviette oculari (sono più delicate e non rischieranno di irritare gli occhi del vostro amato amico)

- pulite quotidianamente le parti intime del vostro animale, così da evitare il contatto prolungato con i residui di urina

- asciugate bene le zampe del vostro cane quando necessario. Se notate che Fido si lecca o mordicchia le zampe in modo compulsivo, parlatene con il vostro veterinario di fiducia, perché potrebbe essere il segno di un disagio patito dal vostro cane


L’alimentazione può aiutare a mantenere il colore del mantello


L’alimentazione gioca un ruolo importante per il benessere della cute e del mantello degli animali. Un alto livello di Omega 3, come quelli naturalmente presenti negli alimenti a base di pesce, possono essere di grande aiuto per rinforzare il pelo e fargli ritrovare la sua naturale lucentezza.


La ricerca scientifica applicata al pet food, inoltre, ha portato sul mercato prodotti capaci di sostenere l’organismo, contrastare i piccoli disturbi dermatologici e ridurre le cause alla base del cambio di colorazione del mantello.

Gli alimenti per cani a marchio Nature’s Protection utilizzano nelle loro preparazioni il minerale 100% naturale MicroZenGen che, grazie al supporto di decenni di ricerca, può aiutare l’organismo del cane a:


    - controllare i livelli di ammoniaca nelle urine e nel sangue

    - eliminare le tossine e i metalli pesanti

    - rinforzare il sistema immunitario

    - favorire l’assorbimento dei nutrienti


Questi sono solo alcuni dei benefici associati agli alimenti innovativi di Nature’s Protection, formulati in base alle diverse esigenze dei mantelli nelle colorazioni di base: nere, rosse e bianche. Sia per puppy che per adulti, anche in formula grain free.


Condividi

Articoli correlati

MANTENERE IL COLORE DEL MANTELLO DEL CANE: IL SEGRETO È NELL'ALIMENTAZIONE

Cani , Curiosità

Tempo di lettura: 4 minuti


Chi ha un cane bianco sa che mantenere il colore del mantello non è sempre un’impresa semplice. Il candido manto dei cuccioli, come soffici batuffoli di cotone, col tempo tende a non essere più così immacolato. Cosa succede al pelo del cane? Perché si può macchiare e come possiamo evitarlo? Continuate a leggere l’articolo e risponderemo alle vostre domande e curiosità.

Perché i cani bianchi tendono ad ingiallire?


La ragione principale dell’ingiallimento del mantello è la sua ossidazione. Il pelo dei cani è continuamente a contatto con numerose sostanze. Lacrime, saliva, tracce di urina possono essere causa di macchie o ingiallimento del mantello. Anche della semplice acqua alla lunga può portare all’ossidazione delle parti di pelo che ne sono costantemente a contatto, fino a causare un cambiamento nella colorazione del mantello. Tutte queste sostanze contengono ferro, un minerale dall’alto potere ossidativo e principale causa dell’ingiallimento del mantello.

Non è solo un problema dei cani dal manto bianco


Questo cambiamento è molto evidente nei cani dal mantello bianco, ma può avvenire anche sulle altre colorazioni.


Le macchie intorno agli occhi sono spesso causate da un’eccessiva lacrimazione, nota come “epifora”, e interessano con più frequenza i cani dal muso schiacciato o con gli occhi più esposti agli agenti esterni. Ad esempio, possiamo notare questo tipo di macchie sia nei bianchissimi cani di razza Maltese che nei vari colori dei Cavalier King. In alcuni casi potrebbe essere dovuto a problemi relativi ai canali lacrimali, da sottoporre all’attenzione di veterinari specializzati. Se volete saperne di più, vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento “Lacrimazione rossa o marrone: l’epifora”.


La variazione di colore del pelo intorno al muso, invece, è spesso causata dal continuo contatto con l’acqua della ciotola. Un problema che risulta evidente soprattutto nei cani dal pelo lungo o semi lungo come Schnauzer, West Highland White Terrier o Barboncini.

Le parti del mantello più a rischio


Alcune zone del mantello del cane sono più soggette a macchiarsi o a cambiare colore rispetto ad altre.


Le principali sono:

    - il contorno occhi

    - il muso

    - sotto le orecchie

    - le zampe

    - l’inguine


Come abbiamo visto, il contorno occhi tende ad ossidarsi a causa di una lacrimazione eccessiva, mentre le macchie sotto il muso sono spesso da attribuirsi alle bevute giornaliere.


L’inestetismo dovuto all’ingiallimento del pelo avviene sotto le orecchie soprattutto nei cani dalle orecchie lunghe e pendenti, perché per loro quest’area del corpo è più soggetta ad accumulare umidità, con la conseguente ossidazione del mantello.


Le zampe sono soggette ad ogni forma di sollecitazione esterna, ma l’ingiallimento del manto si presenta soprattutto per quei cani che hanno la tendenza a leccarsi o mordersi frequentemente le zampe.


La saliva, inoltre, può essere causa di ossidazione e quindi ingiallimento del pelo anche nell’area inguinale, fisiologica conseguenza delle quotidiane operazioni di pulizia che il cane fa su di sé con la lingua. L’inguine è, inoltre, a contatto con l’urina, altra causa di ossidazione del mantello.

Parola d’ordine: prevenzione


L’ingiallimento del mantello è una questione principalmente estetica che non va ad intaccare la salute del cane.


Il modo migliore per mantenere il colore del mantello è agire d’anticipo grazie alla prevenzione. È buona abitudine asciugare il pelo il prima possibile, intervenendo per evitare che il contatto prolungato con sostanze come saliva, acqua, lacrime o urina. Ecco alcuni consigli:



- Asciugate il muso del cane dopo una dissetante bevuta dalla ciotola

- detergete il contorno occhi con le salviette oculari (sono più delicate e non rischieranno di irritare gli occhi del vostro amato amico)

- pulite quotidianamente le parti intime del vostro animale, così da evitare il contatto prolungato con i residui di urina

- asciugate bene le zampe del vostro cane quando necessario. Se notate che Fido si lecca o mordicchia le zampe in modo compulsivo, parlatene con il vostro veterinario di fiducia, perché potrebbe essere il segno di un disagio patito dal vostro cane


L’alimentazione può aiutare a mantenere il colore del mantello


L’alimentazione gioca un ruolo importante per il benessere della cute e del mantello degli animali. Un alto livello di Omega 3, come quelli naturalmente presenti negli alimenti a base di pesce, possono essere di grande aiuto per rinforzare il pelo e fargli ritrovare la sua naturale lucentezza.


La ricerca scientifica applicata al pet food, inoltre, ha portato sul mercato prodotti capaci di sostenere l’organismo, contrastare i piccoli disturbi dermatologici e ridurre le cause alla base del cambio di colorazione del mantello.

Gli alimenti per cani a marchio Nature’s Protection utilizzano nelle loro preparazioni il minerale 100% naturale MicroZenGen che, grazie al supporto di decenni di ricerca, può aiutare l’organismo del cane a:


    - controllare i livelli di ammoniaca nelle urine e nel sangue

    - eliminare le tossine e i metalli pesanti

    - rinforzare il sistema immunitario

    - favorire l’assorbimento dei nutrienti


Questi sono solo alcuni dei benefici associati agli alimenti innovativi di Nature’s Protection, formulati in base alle diverse esigenze dei mantelli nelle colorazioni di base: nere, rosse e bianche. Sia per puppy che per adulti, anche in formula grain free.


Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paco e non perderti nessuna novità

Resta aggiornato sulle ultime notizie e contenuti di Paco, riceverai inoltre un
buono sconto da usare sul primo acquisto!

arrow_back