STITICHEZZA NEL CANE E NEL GATTO: CAUSE E RIMEDI

03/06/2021 Categorie : Cani , Gatti , Salute

Tempo di lettura: 2 minuti

La stitichezza è la difficoltà ad evacuare le feci. Chiamata anche stipsi, è un disturbo intestinale che può provocare disagio e dolore a chi ne soffre. La difficoltà ad andare di corpo può capitare anche a cani e gatti, come capirlo e come intervenire per aiutare i nostri pet?

I sintomi della costipazione

Quando cane o gatto sono costipati l’intestino non sta funzionando correttamente. 

  • L’attività intestinale è rallentata
  • Lo stimolo ad evacuare è discontinuo e irregolare
  • Le feci espulse sono dure, secche, a volte di grandi dimensioni
  • L’espulsione delle feci può causare dolore al cane o al gatto

Le cause della stitichezza nel cane e nel gatto

La stipsi nei pet può avere diverse cause, prima tra tutte l’alimentazione. Un’alimentazione con uno scarso contenuto di fibre o l’ingestione di materiali indigeribili può causare rallentamenti o blocchi intestinali. La dieta di cane e gatto ha un impatto enorme sulla regolarità intestinale.

Le fibre contenute in frutta e verdura sono un supporto essenziale per il corretto funzionamento dell’intestino. Alimenti come le mele, le carote o la zucca oltre a fornire le fibre, sono ricchi di vitamine e di acqua. La mancanza d’idratazione è un’altra delle possibili cause della stitichezza. 

Se cane e gatto non amano bere dalla ciotola, potete invogliarli con l’utilizzo delle fontanelle: ciotole per l’acqua, elettriche o a batterie, che garantiscono il ricircolo costante dell’acqua garantendone la freschezza e la pulizia per lunghi periodi. Cani e gatti sono spesso attratti dal movimento che simula quello di un ruscello e sono portati a bere di più. 

Oltre all’alimentazione, le altre cause per la stitichezza di cane e gatto possono essere:

  • Cause ambientali e/o comportamentali: la stitichezza può essere una reazione più o meno involontaria a situazioni che mettono a disagio l’animale. Tra queste possono essere il ricovero in clinica veterinaria, il confinamento e l’inattività per lunghi periodi.
  • Il dolore: se il cane o il gatto provano dolore (o temono di provarlo) nell’atto di defecare, probabilmente si avranno degli episodi di stitichezza. Il dolore può essere causato da un intervento chirurgico; dalla postura, come nel caso di disturbi articolari o pelvici; da malattie del retto, come infiammazioni o neoplasie.
  • Ostruzioni: l’ingestione di materiali indigeribili, come ad esempio sassi, ossa, mandorle intere o corpi estranei, possono causare l’ostruzione totale o parziale del colon-retto. Anche malattie e disturbi come le neoplasie intestinali, l’ernia perianale o le patologie prostatiche (negli esemplari maschi) possono essere causa di stitichezza. 

I rimedi contro la stitichezza

Curare l’alimentazione è certamente il primo passo per prevenire o aiutare a risolvere episodi di stitichezza. L’alimentazione dev’essere ben bilanciata con il giusto apporto di alimenti ricchi di fibre per favorire il transito intestinale. Tra i rimedi naturali che possono essere d’aiuto al cane o al gatto che soffrono di stitichezza vi consigliamo i semi di psillio, un concentrato naturale di fibre, e la Malva una pianta officinale dal potere idratante e lenitivo.

Q.Diet Psylium Pet è l’integratore naturale per cani e gatti con problemi di costipazione e stipsi. È una fonte di fibre solubile, priva di aromi e proteine, ideale come integratore nelle diete casalinghe.

Può essere utile, inoltre, aumentare l’assunzione di liquidi. Oltre all’utilizzo di fontanelle per cani e gatti, vi consigliamo di integrare alimenti umidi nella dieta dei vostri animali, eventualmente alternandoli alle crocchette. Inoltre, potrebbe essere utile sostituire i biscottini premio con snack naturali come piccoli pezzi di mela o di carote (come sempre, senza esagerare). Prima di modificare la dieta del vostro animale vi consigliamo di chiedere consiglio al veterinario, ogni animale ha esigenze specifiche e per cure e diagnosi vi invitiamo a fare sempre affidamento a quanto viene indicato dal medico veterinario che ha in cura i vostri pet.

Ultimo, ma non meno importante, fate fare attività fisica ai vostri cani e gatti. A meno che non siano impossibilitati a muoversi a causa di patologie pregresse, cercate di stimolare i vostri pet portandoli a passeggio regolarmente o giocando con loro. Il movimento fisico è un valido aiuto per stimolare la corretta attività intestinale.

Disclaimer:

Questo articolo ha carattere esclusivamente informativo e divulgativo. Quanto scritto non intende in alcun modo sostituirsi al consiglio di uno specialista. Per qualunque diagnosi e terapia riguardo lo stato di salute dei vostri pet vi invitiamo sempre a rivolgervi al veterinario.

Condividi

Articoli correlati

STITICHEZZA NEL CANE E NEL GATTO: CAUSE E RIMEDI

Cani , Gatti , Salute

Tempo di lettura: 2 minuti

La stitichezza è la difficoltà ad evacuare le feci. Chiamata anche stipsi, è un disturbo intestinale che può provocare disagio e dolore a chi ne soffre. La difficoltà ad andare di corpo può capitare anche a cani e gatti, come capirlo e come intervenire per aiutare i nostri pet?

I sintomi della costipazione

Quando cane o gatto sono costipati l’intestino non sta funzionando correttamente. 

  • L’attività intestinale è rallentata
  • Lo stimolo ad evacuare è discontinuo e irregolare
  • Le feci espulse sono dure, secche, a volte di grandi dimensioni
  • L’espulsione delle feci può causare dolore al cane o al gatto

Le cause della stitichezza nel cane e nel gatto

La stipsi nei pet può avere diverse cause, prima tra tutte l’alimentazione. Un’alimentazione con uno scarso contenuto di fibre o l’ingestione di materiali indigeribili può causare rallentamenti o blocchi intestinali. La dieta di cane e gatto ha un impatto enorme sulla regolarità intestinale.

Le fibre contenute in frutta e verdura sono un supporto essenziale per il corretto funzionamento dell’intestino. Alimenti come le mele, le carote o la zucca oltre a fornire le fibre, sono ricchi di vitamine e di acqua. La mancanza d’idratazione è un’altra delle possibili cause della stitichezza. 

Se cane e gatto non amano bere dalla ciotola, potete invogliarli con l’utilizzo delle fontanelle: ciotole per l’acqua, elettriche o a batterie, che garantiscono il ricircolo costante dell’acqua garantendone la freschezza e la pulizia per lunghi periodi. Cani e gatti sono spesso attratti dal movimento che simula quello di un ruscello e sono portati a bere di più. 

Oltre all’alimentazione, le altre cause per la stitichezza di cane e gatto possono essere:

  • Cause ambientali e/o comportamentali: la stitichezza può essere una reazione più o meno involontaria a situazioni che mettono a disagio l’animale. Tra queste possono essere il ricovero in clinica veterinaria, il confinamento e l’inattività per lunghi periodi.
  • Il dolore: se il cane o il gatto provano dolore (o temono di provarlo) nell’atto di defecare, probabilmente si avranno degli episodi di stitichezza. Il dolore può essere causato da un intervento chirurgico; dalla postura, come nel caso di disturbi articolari o pelvici; da malattie del retto, come infiammazioni o neoplasie.
  • Ostruzioni: l’ingestione di materiali indigeribili, come ad esempio sassi, ossa, mandorle intere o corpi estranei, possono causare l’ostruzione totale o parziale del colon-retto. Anche malattie e disturbi come le neoplasie intestinali, l’ernia perianale o le patologie prostatiche (negli esemplari maschi) possono essere causa di stitichezza. 

I rimedi contro la stitichezza

Curare l’alimentazione è certamente il primo passo per prevenire o aiutare a risolvere episodi di stitichezza. L’alimentazione dev’essere ben bilanciata con il giusto apporto di alimenti ricchi di fibre per favorire il transito intestinale. Tra i rimedi naturali che possono essere d’aiuto al cane o al gatto che soffrono di stitichezza vi consigliamo i semi di psillio, un concentrato naturale di fibre, e la Malva una pianta officinale dal potere idratante e lenitivo.

Q.Diet Psylium Pet è l’integratore naturale per cani e gatti con problemi di costipazione e stipsi. È una fonte di fibre solubile, priva di aromi e proteine, ideale come integratore nelle diete casalinghe.

Può essere utile, inoltre, aumentare l’assunzione di liquidi. Oltre all’utilizzo di fontanelle per cani e gatti, vi consigliamo di integrare alimenti umidi nella dieta dei vostri animali, eventualmente alternandoli alle crocchette. Inoltre, potrebbe essere utile sostituire i biscottini premio con snack naturali come piccoli pezzi di mela o di carote (come sempre, senza esagerare). Prima di modificare la dieta del vostro animale vi consigliamo di chiedere consiglio al veterinario, ogni animale ha esigenze specifiche e per cure e diagnosi vi invitiamo a fare sempre affidamento a quanto viene indicato dal medico veterinario che ha in cura i vostri pet.

Ultimo, ma non meno importante, fate fare attività fisica ai vostri cani e gatti. A meno che non siano impossibilitati a muoversi a causa di patologie pregresse, cercate di stimolare i vostri pet portandoli a passeggio regolarmente o giocando con loro. Il movimento fisico è un valido aiuto per stimolare la corretta attività intestinale.

Disclaimer:

Questo articolo ha carattere esclusivamente informativo e divulgativo. Quanto scritto non intende in alcun modo sostituirsi al consiglio di uno specialista. Per qualunque diagnosi e terapia riguardo lo stato di salute dei vostri pet vi invitiamo sempre a rivolgervi al veterinario.

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paco e non perderti nessuna novità

Resta aggiornato sulle ultime notizie e contenuti di Paco, riceverai inoltre un
buono sconto da usare sul primo acquisto!

arrow_back