PERCHÉ IL CANE MI SEGUE SEMPRE (ANCHE IN BAGNO?)

27/10/2020 Categorie : Cani , Curiosità

Tempo di lettura 3 minuti

Sin da cuccioli, i cani amano stare in compagnia del proprio migliore amico umano e lo dimostrano chiaramente: stando sempre al fianco del padrone, come un’ombra gentile che lo accompagna per tutta la casa… anche in bagno!

Quali sono le ragioni di questo comportamento?

Dimostrazione di affetto

I motivi per cui un cane segue ovunque il proprio padrone possono essere molteplici, ma certamente l’affetto è una delle ragioni principali.

I cani sono capaci di provare un amore incondizionato nei confronti dei propri padroni e uno dei modi più semplici ed immediati che hanno per dimostrarlo e stargli sempre vicino, garantendogli assistenza e protezione reciproca.

Cane e padrone fanno parte dello stesso branco

Il cane è per sua natura un animale sociale, la gerarchia all’interno del branco è fondamentale per la sopravvivenza di tutti i suoi membri.

La solitudine non è gradita al cane che ricerca sempre la compagnia del branco, perché solo restando insieme si sentirà più appagato e al sicuro. Istintivamente il cane riconosce il nucleo familiare come un branco ed è portato a seguire chi, tra i membri della famiglia, gli garantisce con più sicurezza il cibo e le comodità di cui ha bisogno. Attenzione, non è una mera necessità materiale, ma il riconoscimento di chi si prende cura di lui, donandogli soprattutto amore e affetto.

Rinforzo positivo, anche inconsapevole

È possibile che il cane sia stato “premiato” spesso quando era accanto al proprio padrone, che lo ha fatto anche inconsapevolmente. Sono bastate un po’ di coccole, alcune parole dolci, dei momenti di gioco e certamente qualche bocconcino per convincere il cane che stare accanto al padrone è la miglior decisione possibile.

Come componenti di un branco, agli occhi del cane, ogni membro della famiglia ha un suo specifico compito (cibo, coccole, gioco, passeggiata), standogli accanto il cane dimostra gratitudine e affetto, rinforzando nei membri della famiglia il comportamento che gli è più gradito (sì, anche i cani usano il sistema del rinforzo positivo con noi umani!).

Anche la genetica ci mette lo zampino

Sembra che alcune razze di cani siano più predisposte di altre allo stare sempre accanto al padrone.

Un esempio è il Bracco Ungherese, un cane da ferma di media-grossa taglia, molto apprezzato per la sua intelligenza ed equilibrio caratteriale. Per sua natura ama accontentare il padrone ed è molto affettuoso con tutti i membri della famiglia, soprattutto con i bambini, tanto da essere utilizzato anche per la pet therapy. Il Bracco Ungherese è soprannominato “cane-velcro” come conseguenza del suo attaccamento, quasi morboso, al padrone, che lo spinge alla continua ricerca del contatto visivo e fisico con lui.

Ansia da separazione: un problema da non sottovalutare

In alcuni casi, il cane segue costantemente il padrone in ogni luogo perché soffre di ansia da separazione. Se temete che sia il caso del vostro cane, parlatene con il veterinario, perché, se non gestita adeguatamente, l’ansia da separazione può causare al vostro cane insicurezza, ansia e paura, compromettendo la sua qualità di vita.

Come limitare il comportamento “appiccicoso” del cane?

Molti amano la costante presenza del proprio cane accanto a sé, ma non tutti gradiscono questo comportamento che può essere percepito come “appiccicoso”. Cosa fare in questo caso?

Esistono alcuni stratagemmi che possono garantirvi attimi di solitudine, senza ferire i sentimenti del vostro amorevole quadrupede:

  • Utilizzando il sistema del rinforzo positivo, insegnate al vostro cane due comandi di base: “seduto” e “a cuccia”. Ci vorrà un po’ di pazienza, ma i cani sono molto intelligenti e una volta compreso cosa volete che facciano vi accontenteranno volentieri. Ricordatevi di premiarlo sempre quando si comporta come desiderate.
  • Intrattenetelo con dei giochi stimolanti. Le palline con premietto sono giochi molto semplici , realizzato in caucciù naturale, cavo all’interno e con due fori, uno alla base e uno alla sommità (è importante che ci siano due fori per evitare rischi di soffocamento). Il gioco va riempito con un alimento gradito al vostro cane che sarà quindi impegnato a tirarlo fuori dal gioco

Questi sono uno strumento molto utile anche per i cani che soffrono di ansia da separazione, perché il suo utilizzo li terrà occupati in modo stimolante e divertente quando non ci sarete per un po’ di tempo.

Condividi

Articoli correlati

PERCHÉ IL CANE MI SEGUE SEMPRE (ANCHE IN BAGNO?)

Cani , Curiosità

Tempo di lettura 3 minuti

Sin da cuccioli, i cani amano stare in compagnia del proprio migliore amico umano e lo dimostrano chiaramente: stando sempre al fianco del padrone, come un’ombra gentile che lo accompagna per tutta la casa… anche in bagno!

Quali sono le ragioni di questo comportamento?

Dimostrazione di affetto

I motivi per cui un cane segue ovunque il proprio padrone possono essere molteplici, ma certamente l’affetto è una delle ragioni principali.

I cani sono capaci di provare un amore incondizionato nei confronti dei propri padroni e uno dei modi più semplici ed immediati che hanno per dimostrarlo e stargli sempre vicino, garantendogli assistenza e protezione reciproca.

Cane e padrone fanno parte dello stesso branco

Il cane è per sua natura un animale sociale, la gerarchia all’interno del branco è fondamentale per la sopravvivenza di tutti i suoi membri.

La solitudine non è gradita al cane che ricerca sempre la compagnia del branco, perché solo restando insieme si sentirà più appagato e al sicuro. Istintivamente il cane riconosce il nucleo familiare come un branco ed è portato a seguire chi, tra i membri della famiglia, gli garantisce con più sicurezza il cibo e le comodità di cui ha bisogno. Attenzione, non è una mera necessità materiale, ma il riconoscimento di chi si prende cura di lui, donandogli soprattutto amore e affetto.

Rinforzo positivo, anche inconsapevole

È possibile che il cane sia stato “premiato” spesso quando era accanto al proprio padrone, che lo ha fatto anche inconsapevolmente. Sono bastate un po’ di coccole, alcune parole dolci, dei momenti di gioco e certamente qualche bocconcino per convincere il cane che stare accanto al padrone è la miglior decisione possibile.

Come componenti di un branco, agli occhi del cane, ogni membro della famiglia ha un suo specifico compito (cibo, coccole, gioco, passeggiata), standogli accanto il cane dimostra gratitudine e affetto, rinforzando nei membri della famiglia il comportamento che gli è più gradito (sì, anche i cani usano il sistema del rinforzo positivo con noi umani!).

Anche la genetica ci mette lo zampino

Sembra che alcune razze di cani siano più predisposte di altre allo stare sempre accanto al padrone.

Un esempio è il Bracco Ungherese, un cane da ferma di media-grossa taglia, molto apprezzato per la sua intelligenza ed equilibrio caratteriale. Per sua natura ama accontentare il padrone ed è molto affettuoso con tutti i membri della famiglia, soprattutto con i bambini, tanto da essere utilizzato anche per la pet therapy. Il Bracco Ungherese è soprannominato “cane-velcro” come conseguenza del suo attaccamento, quasi morboso, al padrone, che lo spinge alla continua ricerca del contatto visivo e fisico con lui.

Ansia da separazione: un problema da non sottovalutare

In alcuni casi, il cane segue costantemente il padrone in ogni luogo perché soffre di ansia da separazione. Se temete che sia il caso del vostro cane, parlatene con il veterinario, perché, se non gestita adeguatamente, l’ansia da separazione può causare al vostro cane insicurezza, ansia e paura, compromettendo la sua qualità di vita.

Come limitare il comportamento “appiccicoso” del cane?

Molti amano la costante presenza del proprio cane accanto a sé, ma non tutti gradiscono questo comportamento che può essere percepito come “appiccicoso”. Cosa fare in questo caso?

Esistono alcuni stratagemmi che possono garantirvi attimi di solitudine, senza ferire i sentimenti del vostro amorevole quadrupede:

  • Utilizzando il sistema del rinforzo positivo, insegnate al vostro cane due comandi di base: “seduto” e “a cuccia”. Ci vorrà un po’ di pazienza, ma i cani sono molto intelligenti e una volta compreso cosa volete che facciano vi accontenteranno volentieri. Ricordatevi di premiarlo sempre quando si comporta come desiderate.
  • Intrattenetelo con dei giochi stimolanti. Le palline con premietto sono giochi molto semplici , realizzato in caucciù naturale, cavo all’interno e con due fori, uno alla base e uno alla sommità (è importante che ci siano due fori per evitare rischi di soffocamento). Il gioco va riempito con un alimento gradito al vostro cane che sarà quindi impegnato a tirarlo fuori dal gioco

Questi sono uno strumento molto utile anche per i cani che soffrono di ansia da separazione, perché il suo utilizzo li terrà occupati in modo stimolante e divertente quando non ci sarete per un po’ di tempo.

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paco e non perderti nessuna novità

Resta aggiornato sulle ultime notizie e contenuti di Paco, riceverai inoltre un
buono sconto da usare sul primo acquisto!

arrow_back