PARVOVIROSI DEL CANE: AUMENTANO I CASI IN ITALIA, COME SI MANIFESTA

23/01/2019 Categorie : Cani , Cuccioli di cane , Salute

Tempo di lettura di questo editoriale: 3 minuti

Allarme parvovirosi in Italia.I veterinari della provincia di Genova hanno riscontrato la parvo in 6 cani deceduti negli ultimi dieci giorni. Tra gli infetti anche 6 cuccioli (3 dei quali non ce l'hanno fatta), e decine di altre segnalazioni da Pet Owner attenti ai sintomi di questo virus che può essere letale. L'Asl 3 di Genova ha cominciato una collaborazione stretta con i veterinari della provincia per prendere le dovute precauzioni per evitare il diffondersi del virus. Il direttore Asl 3, Roberto Parodi, richiede la massima collaborazione a tutti i veterinari in quanto la parvovirosi 'non è soggetta a obbligo di notifica. Si ritiene tuttavia utile richiedere a ciascun veterinario libero professionista di fornire alla Asl 3 ogni informazione utile circa i casi di parvovirosi canina che sono stati diagnosticati o che verranno accertati'.

Parvovirosi: i sintomi della gastroenterite virale

Perché la Parvovirosi fa così paura? Conosciuta anche come gastroenterite virale, la parvovirosi canina ha origine virale (parvovirus) ed è estremamente contagiosa. Vengono colpiti principalmente i cuccioli, che hanno difese immunitarie più basse e non hanno ancora ricevuto il vaccino, e purtroppo il rischio di mortalità è altissimo. Il parvovirus è estremamente resistente sia dentro casa che all'esterno. Le due patologie che la parvovirosi può causare sono la gastroenterite virale infettiva e la miocardite (in percentuali molto basse). 

Parvovirosi: aspettative di vita per un cane o un cucciolo infetto

Nelle forme più gravi, il cane colpito muore nel giro di 2-3 giorni. Non esiste una cura specifica per la parvovirosi ed il metodo più sicuro è affidarsi al vaccino. Se al cane viene diagnosticata questa patologia, il veterinario procederà a sottoscrivere le migliori terapie per il superamento della fase critica, rinforzando le difese immunitarie, e limitando le conseguenze secondarie della malattia in caso di guarigione. 

Contagio e trasmissione del virus della parvovirosi

La trasmissione del virus avviene per passaggio oro-fecale. Il virus si trova nelle feci del cane portatore e si trasmette ad un nuovo individuo attraverso il contatto o l'assunzione delle feci (coprofagia). Ricordiamo che il virus è resistente (anche ai disinfettanti di uso comune che abbiamo in casa), può sopravvivere mesi nell'ambiente in cui viene depositato, ed è prodotto in abbondanza dai cani infetti.

Sintomi della parvovirosi canina

Il virus ha un periodo d'incubazione di circa 3-7 giorni. Vengono colpiti prima i linfonodi della gola, poi il midollo spinale e l'intestino (causando la distruzione dei villi e microvilli fondamentali per l'assunzione di cibo). I sintomi principali di un cane infetto sono:

  • VOMITO
  • DIARREA EMORRAGICA
  • INAPPETENZA
  • DEPRESSIONE
  • FEBBRE ALTA
  • DISIDRATAZIONE

La disidratazione è la causa principale delle complicanze nei cuccioli, che causano spesso la morte. Se notiamo questi sintomi, la cosa migliore è fare un controllo con il proprio veterinario. La diagnosi arriva in poco tempo grazie al test ELISA: Enzyme Linked ImmunoSorbent Assay, comunemente detto test immunoenzimatico.

Condividi

Articoli correlati