COME LEGGERE L'ETICHETTA DEL PET FOOD IN BASE ALLE PROPRIE ESIGENZE

27/11/2018 Categorie : Cani , Cani di Taglia Piccola , Curiosità , Gatti , Salute

Come leggere l'etichetta pet food

Leggere le etichette del pet food non è semplicissimo, può risultare complesso interpretare tutte le informazioni, per questo motivo abbiamo deciso di fornirvi una GUIDA COMPLETA per aiutarvi a decifrarle.

Uno dei problemi principali è il lessico, in particolare l’interpretazione di alcuni termini che vengono usati all’interno dell’etichette di pet food:

  • “mangime”= parola che indica tutti gli alimenti per i nostri amici a quattro zampe, cani e gatti;
  • ceneri”= parola che descrive la percentuale di sostanze inorganiche, quindi i minerali, percentuale che non deve superare il 10,5-11%;
  • “composizione”= termine che indica gli ingredienti dell’alimento per cani e gatti;

Gli ingredienti del pet food sono ordinati in scala decrescente, l’ingrediente che compone in quantità maggiore un determinato alimento potete trovarlo per primo all’interno dell’etichetta. Anche l’acqua è un ingrediente degli alimenti per pet, tuttavia non è obbligatorio indicare la quantità nell’etichetta, anche nel cibo umido dove la percentuale è notevole.

Come interpretare il termine riferito alla % di carne

Per quanto riguarda la carne è possibile trovare più di un termine che indica questo ingrediente: “carne disidrata”, “farina di carne” oppure “carne fresca”. Cerchiamo di capire le differenze:

  • il termine “carne fresca” sta indicare la presenza di una rilevante percentuale di acqua di conseguenza una minore percentuale di altre sostanze nutrizionali;
  • il termine “farina di carnenon è assolutamente sinonimo di qualità scarsa, tutto dipende dalla materia prima di partenza, farine di carne che derivano da materie prime ammesse al consumo umano sono sicuramente di ottima qualità.

Le 6 voci che costituiscono l'etichetta

  1. descrizione del prodotto: in questa sezione si indica l’animale a cui è destinato l’alimento e che tipo di alimento è, se semplice, completo, complementare o dietetico;
  2. composizione del prodotto: indica tutti gli ingredienti che costituiscono l’alimento, oltre alla sua pecentuale di presenza.
  3. additivi: parola che indicano le sostanze aggiuntive come minerali, vitamine, acidi grassi essenziali che hanno l’obiettivo di svolgere funzioni particolari, funzioni nutrizionali o funzioni di conservazione della crocchetta.
  4. componenti analitici: indica i gruppi nutrizionali, ovvero le proteine, i grassi, le fibre e l’umidità.
  5. EM (energia metabolizzabile): sigla che indica la quantità di energia che viene assorbita dal pet;
  6. modalità d’uso e razione giornaliera: viene escplicitata attraverso una tabella che specifa la quantità di cibo da dare a seconda del peto e dell’età dell’animale;

3 voci specifiche per gli alimenti dietetici e funzionali

  1. particolare fine nutrizionale: indica la funzione dell’alimento dietetico;
  2. caratteristiche nutrizionali essenziali: indica particolari caratteristiche in evidenza del cibo dietetico;
  3. impiego raccomandato: voce che esplicita il tempo minimo necessario per raggiungere il fine nutrizionale.

Articoli correlati