BAOS O SINDROME BRACHICEFALICA: I RISCHI PER I CANI E GATTI DAL MUSO SCHIACCIATO

11/06/2019 Categorie : PacoVET - I consigli veterinari

Tempo di lettura 4 minuti

La sindrome brachicefalica o sindrome ostruttiva delle vie aeree superiori (BAOS) si riferisce all'insieme dei disturbi respiratori che colpiscono comunemente i cani brachicefali e i gatti a muso corto.

Se hai un cane o un gatto brachicefalo sicuramente ti sarai imbattuto in uno delle problematiche respiratorie a cui sono predisposte queste razze: facile affaticamento e rumori respiratori sono solo alcuni dei sintomi che il vostro animale può presentare. Una diagnosi precoce e corretta gestione possono regalare una qualità di vita migliore al tuo piccolo amico a quattro zampe.

Quali sono le razze brachicefale di cane

  • • Bulldog inglese
  • • Bulldog francese
  • • Carlino
  • • Pechinese
  • • Boston terrier
  • • Lhasa Apso
  • • Shih Tzu
  • • Bull Mastiff
  • • Spaniel inglese
  • • King Charles Spaniel

Come conseguenza della loro testa accorciata, il naso, la gola e le vie respiratorie delle razze brachicefale sono comunemente sottodimensionati o appiattiti. Tuttavia, i tessuti molli all'interno di queste aree (come le narici, il palato molle e la lingua) non sono di dimensioni ridotte e devono inserirsi in uno spazio significativamente più piccolo. Questo si traduce in un restringimento dell e cavità nasali e delle vie aeree superiori che ostruisce il flusso di aria causando disagio respiratorio con respiro rapido e difficoltoso. Col passare del tempo, l'aumento della resistenza e l'ostruzione delle vie respiratorie causano un'ulteriore infiammazione e gonfiore delle vie aeree, provocando un'ostruzione delle vie aeree più grave e complicanze secondarie.

Risultati immagini per sindrome brachicefalicaQuali sono le caratteristiche che predispongono alla BAOS

  • - Narici stenotiche: le narici sono strette e piccole, il restringimento limita la quantità d'aria
  • rendendo difficile respirare attraverso il naso;
  • - Palato molle allungato: il palato molle è troppo lungo per la lunghezza della bocca e blocca
  • parzialmente l'ingresso alla trachea sul retro del gola, interferendo con il movimento dell'aria.
  • - Trachea ipoplasica: la trachea ha un diametro inferiore al normale;
  • - Sacculi laringei rovesciati: sono piccole sacche o di tessuto che si trovano vicino alle corde
  • vocali. Questi sacculi ruotano verso l'esterno o vengono aspirati nelle vie aeree, ostacolando
  • ulteriormente il flusso di aria nelle vie aeree;
  • - Collasso laringeo: la laringe può collassare come complicazione secondaria da aumento
  • cronico della resistenza al flusso d'aria.

Sintomi della sindrome ostruttiva delle vie aree del cane e del gatto

I sintomi si possono osservare già nei cuccioli ed essendo una condizione che dura tutta la vita peggiorano progressivamente. Generalmente, più disturbi sono presenti, più gravi sono i sintomi.

I sintomi includono:

  • IL CANE O IL GATTO RESPIRA RUMOROSAMENTE
  • • IL CANE O IL GATTO RESPIRA A BOCCA APERTA
  • • IL CANE IL GATTO ANSIMA
  • • IL CANE O IL GATTO RUSSA SOVENTE
  • • INCAPACITA' DI MANTENERE IL SONNO (Interruzione del sonno)
  • • SCARSA RESISTENZA ALL'ESERCIZIO FISICO
  • • IL CANE O IL GATTO NON SOPPORTA IL CALDO 
  • • IL CANE O IL GATTO SBAVA ECCESSIVAMENTE
  • • TEMPERATURA CORPOREA ELEVATA
  • • IL CANE O IL GATTO SVIENE DOPO L'ATTIVITA' FISICA
  • • TOSSE
  • • IL CANE O IL GATTO SI STROZZANO SOVENTE (anche con saliva, acqua)
  • • VOMITO E RIGURGITI
  • • IL CANE O IL GATTO HA LA LINGUA O LE GENGIVE BLU (cianosi)
  • • IL CANE O IL GATTO HA DIFFICOLTA' A DEGLUTIRE (disfagia)
  • • FLATULENZA (vedi anche Flaturenza e Meteorismo nel cane)
  • MANTENIMENTO DI UNA POSTURA SCOMPOSTA 

I fattori che contribuiscono a peggiorare la gravità della sindrome includono :

• Obesità

• Eccitazione

• Esercizio

• Tempo caldo e umido.

Un recente studio condotto dal Royal Veterinary College ha rilevato che i proprietari non sono in grado di segnalare i segni clinici di BAOS nei loro cani e che non percepiscono questi segni come indicativi di un "problema" respiratorio. Possono anche considerare il russare, i rumori respiratori e l'ansimare eccessivo come "buffo" . Un commento comune è: "Ma è normale respirare affannosamente per un per il mo cane!". Un atteggiamento che porta molti cani e gatti brachicefalici a subire effetti negativi cronici sul loro benessere senza ricevere il trattamento appropriato. L'espressione "normale per la razza" indica una cultura di accettazione di determinati problemi in certi tipi di cani e limita il miglioramento del benessere del cane.

Diagnosi delle Sindromi Ostruttive di Cane e Gatto Brachicefali

La visita in età precoce, già a partire dai 5 o 6 mesi di età, è fondamentale per valutare la presenza di segni riconducibili a una iniziale Sindrome Ostruttiva (BAOS). La diagnosi precoce, oltre a permette di rallentare l'evoluzione della malattia, è la premessa essenziale per far ritrovare una qualità di vita migliore al nostro animale.

Dopo la visita veterinaria, la conferma del sospetto clinico prevede l'esame radiografico e l'esame endoscopico delle prime vie aeree in anestesia.

Trattamenti per cani e gatti con sindromi respiratorie ostruttive

Cosa potete fare a casa per migliorare la qualità di vita?

Per i cani con sintomi lievi o intermittenti, la sindrome brachicefalica può essere gestita in maniera conservativa, modificando lo stile di vita e l'ambiente dell'animale:

  • • Controllo dei livelli di esercizio
  • • Evitare condizioni calde o umide
  • • Tenere il cane in un luogo climatizzato durante l'estate
  • • Evitare gli stress
  • • Controllo del peso 
  • Uso della pettorina (un collare può esercitare una pressione eccessiva sul collo)
  • • Terapia medica: alcuni farmaci sotto indicazione del veterinario possono
  • gliorare la qualità di vita del vostro piccolo animale

Trattamento chirurgico

La chirurgia è il trattamento di scelta ogni volta che le anomalie anatomiche interferiscono con la respirazione dell'animale. Alcune delle tecniche chirurgiche includono:

  • • Allargamento delle narici stenotiche: consente un migliore flusso d'aria attraverso narici;
  • • Resezione del palato molle;
  • • Resezione dei sacculi laringei

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo degli animali? Non temere: Paco ha la soluzione per te! Iscriviti al nostro canale Messenger e leggi i migliori editoriali sul mondo degli amici pelosi!

----------------------------------------------------------------------------------------

Sono la Dott.ssa Miriam Marrone e sono un giovane medico veterinario specializzato nella Medicina Interna dei piccoli animali. Adoro il mio lavoro perchè mi permette di coniugare l’amore per gli animali e la passione per la medicina. Nel 2016 mi sono laureata con ottimi voti presso l’Università di Bologna e 2 anni fa mi sono trasferita a Torino per approfondire le mie conoscenze in campo nefro-urologico. A breve porterò a termine il Master di II livello in Medicina Interna dei piccoli animali presso l’Università di Parma. I miei studi sono rivolti al settore internistico con particolare interesse verso 2 discipline:

- Gastroeneterologia e tecniche endoscopiche;

- Nefrologia , Urologia e Tecniche di Terapia Sostitutiva Renale (Emodialisi e Plasmaferesi).

Attualmente esercito presso l’Ospedale Anubi di Moncalieri e svolgo attività di libera professionista in tutto il Piemonte ed Emilia-Romagna.

Condividi

Articoli correlati