GLI ANTIPARASSITARI CHIMICI INQUINANO (ANCHE) LE NOSTRE TESTE

07/04/2020 Categorie : Salute

Tempo di lettura di questo editoriale 2 minuti

Una ricerca condotta dall'istituto francese IRES e dall'Europarlamento nel Novembre 2018, ha messo in luce una preoccupante verità: la testa ed i capelli degli europei è inquinata da pesticidi e principi chimici tipici anche degli antiparassitari per cani e gatti.

La ricerca sui capelli degli italiani

Sono stati raccolti, nei mesi precedenti alla presentazione all'Europarlamento della ricerca, 148 campioni di capelli di cittadini europei continentali e non. Tra questi sono stati analizzati peli, pelle e capelli provenienti dal capo di persone residenti in Germania, Danimarca, Regno Unito (in particolare Galles), Italia, Francia e Belgio. Quello che è emerso è la massiccia presenza di prodotti chimici tra cui svetta il fipronil, molto utilizzato come antiparassitario nel trattamento di infestazioni di pulci, zecche e pappataci nei cani

I risultati della ricerca e cosa significa questo per la nostra salute

I campioni sono stati analizzati dai laboratori IRES sulla base di 30 pesticidi, tra cui appunto il 'vincitore', il fipronil (84,6% su 13 persone). In particolare i residenti del Galles sono quelli con la testa più esposta, mentre i tedeschi (con 44% su 34 persone) sono quelli meno 'inquinati'. 

In Italia i residui sono stati trovati su oltre il 66% dei 24 campioni messi sotto analisi. 

Fipronil vietato nell'agricoltura ma non come antiparassitario

L'uso del fipronil è stato vietato in agricoltura nel 2017, ma non come antiparassitario per animali domestici. La ricerca ha messo in luce che il 45% dei campioni è positivo al fipronil. Perchè è ancora possibile utilizzare il fipronil se considerato 'tossico'? Perché la quantità di principio attivo presente negli antiparassitari per cani è bassa (ma non inerte), le infestazioni di pulci e zecche possono essere potenzialmente più pericolose delle reazioni allergiche e intossicazioni

Esiste una soluzione non inquinante per proteggere cane e gatto senza fipronil?

Fortunatamente sì, si tratta dell'Olio di Neem. L'olio di Neem è un antiparassitario naturale estratto dall'omonima pianta (di origine indiana). E' utilizzato efficacemente come antizanzare, antipulci e repellente per zecche e pappataci.

SCOPRI GLI ANTIPARASSITARI ALL'OLIO DI NEEM 

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo degli animali? Non temere: Paco ha la soluzione per te! Iscriviti al nostro canale Messenger e leggi i migliori editoriali sul mondo degli amici pelosi!

Condividi

Articoli correlati

GLI ANTIPARASSITARI CHIMICI INQUINANO (ANCHE) LE NOSTRE TESTE

Salute

Tempo di lettura di questo editoriale 2 minuti

Una ricerca condotta dall'istituto francese IRES e dall'Europarlamento nel Novembre 2018, ha messo in luce una preoccupante verità: la testa ed i capelli degli europei è inquinata da pesticidi e principi chimici tipici anche degli antiparassitari per cani e gatti.

La ricerca sui capelli degli italiani

Sono stati raccolti, nei mesi precedenti alla presentazione all'Europarlamento della ricerca, 148 campioni di capelli di cittadini europei continentali e non. Tra questi sono stati analizzati peli, pelle e capelli provenienti dal capo di persone residenti in Germania, Danimarca, Regno Unito (in particolare Galles), Italia, Francia e Belgio. Quello che è emerso è la massiccia presenza di prodotti chimici tra cui svetta il fipronil, molto utilizzato come antiparassitario nel trattamento di infestazioni di pulci, zecche e pappataci nei cani

I risultati della ricerca e cosa significa questo per la nostra salute

I campioni sono stati analizzati dai laboratori IRES sulla base di 30 pesticidi, tra cui appunto il 'vincitore', il fipronil (84,6% su 13 persone). In particolare i residenti del Galles sono quelli con la testa più esposta, mentre i tedeschi (con 44% su 34 persone) sono quelli meno 'inquinati'. 

In Italia i residui sono stati trovati su oltre il 66% dei 24 campioni messi sotto analisi. 

Fipronil vietato nell'agricoltura ma non come antiparassitario

L'uso del fipronil è stato vietato in agricoltura nel 2017, ma non come antiparassitario per animali domestici. La ricerca ha messo in luce che il 45% dei campioni è positivo al fipronil. Perchè è ancora possibile utilizzare il fipronil se considerato 'tossico'? Perché la quantità di principio attivo presente negli antiparassitari per cani è bassa (ma non inerte), le infestazioni di pulci e zecche possono essere potenzialmente più pericolose delle reazioni allergiche e intossicazioni

Esiste una soluzione non inquinante per proteggere cane e gatto senza fipronil?

Fortunatamente sì, si tratta dell'Olio di Neem. L'olio di Neem è un antiparassitario naturale estratto dall'omonima pianta (di origine indiana). E' utilizzato efficacemente come antizanzare, antipulci e repellente per zecche e pappataci.

SCOPRI GLI ANTIPARASSITARI ALL'OLIO DI NEEM 

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo degli animali? Non temere: Paco ha la soluzione per te! Iscriviti al nostro canale Messenger e leggi i migliori editoriali sul mondo degli amici pelosi!

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paco e non perderti nessuna novità

Resta aggiornato sulle ultime notizie e contenuti di Paco, riceverai inoltre un
buono sconto da usare sul primo acquisto!